14.11.2015 – Sensi e memoria

Nuovamente ciascheduno venne in quel di Bosco Luganese. In siffatto dì, noi si discorreva riguardo i sensi e la memoria ad essi correlata. I fanciulli vennero suddivisi per età e poterono cimentarsi in quattro giuochi, che sono qui proposti in un elenco:

  • Giuoco dello udito: Il primo fanciullo enuncia un vocabolo, il secondo deve ribadire quello e emetterne un altro che inizi con i due caratteri finali del termine precedente. Il terzo deve riaffermare quei due e un terzo che inizi con i due caratteri finali del precedente. E così via fintantoché ci riescono.
  • Giuoco della vista: Sono proposte delle carte con raffigurati degli utensili. Questi vengono palesati per periodo esiguo e poi ne vengono rimossi alcuni. I lupi debbono intendere quali utensili sono stati levati.
  • Giuoco dello olfatto: Il bimbo, con gli occhi coperti, deve comprendere cosa sta fiutando e esporre un’esperienza che gli rammenti quello effluvio
  • Giuoco dello tatto: ancor il bimbo dagli occhi coperti, deve stavolta intendere di che materiale è composto ciò che sta tastando.

Dopodiché è stata allestita un’egregia merenda e si è ancor giuocato, ma stavolta lupetti ed esploratori uniti, in un notevolissimo giuoco a squadre ove per trionfare è essenziale che il primo in serie in un gruppo tocchi l’ultimo in fila di un’altra, questo peregrina quindi nelle fila nemiche, le quali accrescono e così via fino a che una squadra si trovi molto più consistente e ottenga il trionfo.
Allo epilogo dell’attività abbiamo eseguito gli urli di rito e ci siamo ossequiati.

 

 

Auspicando a voi un amabile dì,
Ossequi,

 

Zanzara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.